Condividi o stampa questa pagina  

Da quando ho messo su questo blog, ma anche da molto prima utilizzando altri mezzi, non faccio che dire che per raggiungere il successo online ci vuole tempo, tanto tempo. In effetti la verità, che purtroppo molti “colleghi” negano per evidenti interessi, è che per raggiungere il successo online, ci vuole tanto, tantissimo impegno. Gli interessi di cui parlo sono, ad esempio, quelli di vendere a tutti i costi “singoli strumenti” come il “classico sito internet”, spesso, aimé, con la promessa magari velata, ma di certo non mantenibile, di poter ottenere da esso risultati in brevissimo tempo. Insomma, come si può intuire, il “fattore tempo” ed il “fattore impegno” sono strettamente collegati. Non esistono, e non mi stancherò mai di ripeterlo, sistemi reali che consentono di fare soldi velocemente ed in modo legale. Chi propone simili sistemi, che spesso nascondono ad esempio “schemi ponzi” (argomento interessante su cui sicuramente scriverò prossimamente qualcosa) sta solo cercando di truffare gli altri. Oggi l’abitudine di questi veri e propri farabutti è addirittura quella di affibbiarsi titoli quali “marketer”, con relativo danno della categoria a cui appartengo, quando dovrebbero solo farsi chiamare con il loro vero nome, ovvero “scammer” (appunto, in inglese, “truffatori”).

Quanto tempo bisogna aspettare per ottenere risultati?

Ma tornando alla questione titolata in questo post, assodato il fatto che ci voglia tanto tempo, la domanda sorge spontanea: quanto tempo? E’ chiaro che una risposta esatta e precisa a questa domanda è impossibile, ma stando ad alcune ricerche online, basate su reali storie di blog, si può stimare. Un esempio è quello di un portale informativo con cui ho collaborato tempo fa (e da cui è poi partita la mia voglia matta di blog), e che per motivi contrattuali non posso nominare (ebbene si, sono anche un freelance!), che è riuscito a raggiungere il successo online in circa 2 anni dal momento in cui è stato lanciato, con il ritmo di un articolo settimanale. Parliamo quindi di un totale di circa un centinaio di articoli in 24 mesi. Attenzione: si dà per scontato che quando si parli di un blog, quest’ultimo sia realizzato in modo professionale, cioè con dietro una saggia e mirata strategia di comunicazione e marketing, un buon branding, s.e.o. e contenuti scritti davvero bene e presenza sui social a macchia d’olio.

Ed un ulteriore partentesi è doverosa: cosa intendo quando parlo di “successo online”? Ecco, forse è meglio spiegarlo, perché sono certo che qualcuno potrebbe fraintenderlo. Successo online non significa “diventare ricchi” bensì “ottenere risultati”. I risultati sono semplicemente “lead”, ovvero contatti, che vengono convertiti in clienti, cioè vendite. Ecco, avere successo online, quindi, non è la fine, ma è solo l’inizio. Capito come funziona? Bisogna insomma far partire la macchina, facendo in modo che inizi a camminare senza esitazione, ed in modo sempre più spedito. E durante la marcia è necessario fargli “la messa a punto”: continue correzioni in tutti gli ambiti (contenutistici, tecnici, grafici, ecc) per poter coinvolgere sempre più e meglio la specifica nicchia a cui il blog, o in generale un progetto online, si rivolge.

Ora, in base a quanto ho scritto, sei sicuro di voler davvero affrontare tutto questo? O preferisci illuderti che facendo un “sitarello” tu possa ottenere grandi risultati in breve tempo? O che la tua pagina facebook, solo perché ha qualche like, possa generare clienti per la tua attività? Lungi da me, ovviamente ed assolutamente, volerti disilludere o peggio ancora abbattere, anzi.. il mio approccio sempre motivazionale al lavoro mi impone di evidenziarti quanto sia bello, oltre che alla fine fruttuoso immergersi in un percorso imprenditoriale affrontato in modo serio. Ma se proprio volevi avere almeno un’idea di quanto tempo ci vuole, forse te l’ho data. Ecco, almeno un anno mezzo o due, non di meno. A meno che non si abbiano a disposizione budget davvero importanti, in tal caso, forse, si potrebbe far un po’ prima sfruttando campagne di tipo ptc.

Esiste un modo per “velocizzare” la corsa verso il successo?

Esiste insomma un sistema, non oneroso, per far prima? Direi che anche questa domanda sia lecita. Ecco, in tal caso voglio portarti il mio, di esempio: personalmente ho deciso di lanciare, parallelamente al mio blog, non uno ma due podcast (di che si tratta? ne parlo qui). Quello del blog che stai leggendo, e quello di un altro blog, OraLegale Blog, che seguo insieme ad un amico avvocato. A quanto pare (odio questa espressione, ma devo utilizzarla per forza visto che nel business non ci sono certezze, ma solo probabilità) un podcast moltiplica per dieci (si, hai capito bene) l’attenzione dell’audience rispetto al blog.

Mi spiego ancora meglio: un podcast a parità di impegno può ricevere mediamente 10 volte più contatti di un blog.

E’ una stima frutto, anch’essa, di alcune ricerche (testimonianze di marketer più affermati di me). Ecco, questa forse è una bella notizia, ma non illuderti di aver trovato “un trucco” per far soldi facili. I trucchi su internet non esistono! Esiste sono “il lavorare sodo e seminare”, ma proprio tanto.

E poi, un bel giorno, magari scoprire che stanno spuntando delle magnifiche piantine. Ad maiora!


🙂 Domande? Contattami su questa pagina

😉 Commenti? Parliamone sui Social Network! ↓

Condividi o stampa questa pagina  
Carlo Crocicchia
Articolo precedente

Intervista a Carlo Crocicchia, manager turistico e ceo di hotelbooking.com

Learn English in Italy
Articolo Successivo

Lavorare nel turismo ed essere competitivi nel mercato senza conoscere l'inglese? Impossibile!

Leonardo Cascio

Leonardo Cascio

Per anni web developer e graphic designer, oggi esperto di marketing e comunicazione digitale. Lavoro professionalmente dal 1998 e dal 2002 come owner della media agency siciliana LCM Your Global Partner.