TRA I TUOI CONTATTI C'E' CHI APPREZZEREBBE QUESTA PAGINA? CONDIVIDILA!

Presentarsi al meglio sin dal primo istante, e questo a prescindere se si sta portando avanti un percorso di personal branding, è fondamentale. E, almeno in teoria, è un concetto che abbiamo bene a mente.

Ciò stante è ancora frequente imbattersi in un errore banale quanto goffo: l’abominevole uso del cognome prima del nome. Per la serie…

“Piacere, Fantozzi ragionier Ugo” 🙂

Certo, fa un po’ strano scrivere un post su una cosa del genere, che aldilà della citazione cinematografica definirei “errore demenziale”, eppure scorrendo anche i social si può facilmente verificare quanto questo sia diffuso.

Per misurare, sebbene in modo approssimativo, la dimensione del “fenomeno”, ho voluto contare su Facebook e su Linkedin, i social network più importanti per chi fa personal branding, gli utenti con il mio cognome (Cascio) calcolando quanti di questi anteponessero il cognome a nome nel loro profilo.

Ecco i risultati:

  • Facebook: 3%
  • Linkedin: 2%

Da dire che su Linkedin ho pizzicato pure una sedicente “esperta di comunicazione e pubblicità” con il cognome al posto del nome e viceversa!

No, voglio andare oltre, davvero, e parlare d’altro. Voglio parlare dell’ovvio che non è poi così ovvio. Voglio parlare, alla luce del risultato attendibile fino ad un certo punto, del fatto che forse un post come questo era necessario.

Intanto che l’ovvietà sia chiara: a meno che non si tratti di riempire un elenco in ordine alfabetico, prima devi sempre mettere il nome e poi il cognome; ad esempio quando firmi o quando ti presenti, sia a voce che per iscritto, sia pubblicamente che privatamente, sia online che offline.

Insomma era doveroso. E questo perchè a qualche abitué del “surname first” chissà… potrebbe anche capitare di leggerlo questo post e, magari, di correggere una volta per tutte questa sua imbarazzante abitudine.

Un’abitudine italiana

Ciò che invece è poco ovvio, rendendo forse questo post appetibile anche a chi sa bene che prima va il nome e poi il cognome, è che mettere prima il nome e poi il cognome, e mai il contrario, è una convenzione italiana che non è sempre stata così, anzi! In effetti, come si legge sul sito dell’Accademia della Crusca, fino agli anni ’50 era diffusa l’abitudine opposta, ovvero il firmarsi o presentarsi anteponendo sempre il cognome.

Un’abitudine che per fortuna è stata sfatata dai linguisti più importanti del tempo fino a cadere in disuso.

Da ciò si deduce che chi si ostina ancora nel 2019 a violarla ingenuamente, probabilmente è condizionato da un ambiente (magari quello scolastico, in cui era, e forse è ancora, prassi chiamare gli allievi per cognome piuttosto che per nome) in cui, in qualche modo, quell’antiquata abitudine è sopravvissuta.

Ma l’aspetto più interessante della differenza linguistica tra l’uso di “nome e cognome” contro l’uso di “cognome e nome” è spiegato nell’analisi del linguista Alfonso Leone. Secondo il suo pensiero, il diverso modo di firmarsi e di presentarsi rispecchia un diverso modo di percepirsi all’interno della società. Ecco le sue parole:

È ovvio che la sequenza “cognome + nome”, essendo propria di elenchi o schedari e di scritture burocratiche, veda l’individuo non a sé stante, ma “indrappellato” con altri suoi simili, parte cioè di un raggruppamento anche solo immaginario, di una comunità di membri, la cui distinzione è affidata al casato più che ai meriti o ai demeriti di ciascuno. (…) Quello comunque che è importante rilevare è che la sequenza “nome + cognome” non considera l’individuo come legato a molti altri da identità di scopi o d’interessi, ma lo svincola da qualsiasi concetto di raggruppamento, considerandolo nella sua inconfondibile personalità.

Parti sempre dal tuo nome e cognome

Stando al “Leone-pensiero”, dunque, scriversi o presentarsi col nome e col cognome, in questo esatto ordine, può essere un modo di slegarsi da vincoli di parentela o patriarcali di qualsiasi tipo, aiutando la comunicazione a essere più vera, sincera e diretta. E magari a fare da trampolino per costruire un percorso di personal branding all’insegna della qualità, dell’unicità e della personalità.

Anteporre il nome, oltretutto, aiuta a generare un’empatia maggiore nei confronti degli interlocutori. La formalità del vecchio e classico “cognome+nome” non aiuta di certo la comunicazione odierna, incentrata sempre più su un ritrovato concetto di fiducia: il valore su cui costruire qualsiasi buona relazione, anche e sopratutto in ambito professionale.


TRA I TUOI CONTATTI C'E' CHI APPREZZEREBBE QUESTA PAGINA? CONDIVIDILA!
Articolo precedente

Lo showrooming: nemico dei negozi al dettaglio o opportunità di business?

Articolo Successivo

Spero che funzioni! La frase da non dire se non vuoi fallire prima ancora di iniziare

Leonardo Cascio

Leonardo Cascio

Per anni web developer e graphic designer, oggi esperto di marketing e comunicazione digitale. Lavoro professionalmente dal 1998 e dal 2002 come owner della media agency siciliana LCM Your Global Partner.