TRA I TUOI CONTATTI C'E' CHI APPREZZEREBBE QUESTA PAGINA? CONDIVIDILA!

Oggi è un giorno importante.

Sì, perché dopo alcuni anni “in bilico” tra l’agenzia LCM Your Global Partner, che ho fondato nel 2002, ed il mio blog LeoCascio.com (esatto, proprio quello che stai leggendo), lanciato nel 2017, nei giorni scorsi ho avviato una fase di rinnovo e riposizionamento dei miei due brand con la pubblicazione delle novità “tenute per giorni al caldo” avvenuta proprio oggi.

L’obiettivo, che mi auguro di raggiungere, era infatti di farli coesistere in modo più armonico rispetto al passato, rafforzando conseguentemente il posizionamento generale.

In effetti, nonostante cercassi in tutti i modi di spiegare che fossero due realtà separate, è sempre stato un concetto poco compreso dai miei clienti. Ma ciò che è poco compreso nasconde un errore di comunicazione, o meglio, un difetto. Sì, perché anche noi “addetti ai lavori” possiamo farne. Ma ci sta, perché correggere il tiro nel tempo è una cosa normale, una cosa che vale anche per la categoria dei consulenti di comunicazione. Anzi, in verità è proprio il brand che non viene periodicamente aggiornato/svecchiato a rappresentare un problema!

In sostanza i problemi da risolvere erano due:

Da un lato l’agenzia dava un’idea di sé troppo da “tuttofare”, qualcosa che non è positivo specie a livello di percezione nel mercato globale, che invece si aspetta, cercando uno specifico servizio, di ottenere fornitori di eccellenza ovvero fortemente focalizzati in un ramo.

Da l’altro lato il mio personal brand e blog LeoCascio.com, nonostante abbia riscosso buoni risultati in termini di lettori e contatti (tramutatisi anche in clienti) era ancora poco focalizzato. Un problema quindi, per certi versi, analogo a quello dell’agenzia.

Ecco cosa ho fatto:

1) Ho sviluppato un nuovo slogan per l’agenzia “LCM Your Global Partner”, ovvero “strategie & strumenti per imprenditori veri”.

In sostanza l’ho parzialmente riposizionata per il mercato italiano attraverso uno slogan che stimolasse il target imprenditoriale. Inoltre l’ho svecchiata dall’immagine di agenzia locale che era in passato molto legata alla mia figura, rendendola un vero network di professionisti sia interni che esterni ad essa. In verità continuerà a fornire tanti servizi, un po’ a 360°. Ma lo farà garantendo la massima qualità grazie alla possibilità di cooperare anche in outsourcing con professionisti fortemente specializzati, tra i migliori disponibili nel mercato italiano.

Tutto ciò è visionabile all’indirizzo del sito (ti consiglio di dargli un’occhiata… è una sola pagina e ci metterai pochissimo a navigarla).

2) Ho cambiato il claim di LeoCascio.com da “communication & more” in “The Brand Maker”.

Sì, perché il fatto che il mio cavallo di battaglia è il personal branding andava comunicato molto, molto meglio.

Circa due anni fa, agli esordi del blog, non era ancora chiaro che volessi puntare fortemente su questo approccio, oggi si.

Anche il mio piano editoriale, ovviamente, si adeguerà a questa “correzione di tiro” diventando nei contenuti più calzanti e specifici; anche se l’idea di spaziare e fare networking, uscendo quindi in parte dagli schemi, continuerà ogni tanto a far parte di me e del mio modo di comunicare.

Continuo a pensare che non ci sia nulla di male ad infrangere alcune regole della comunicazione, l’importante è farlo in modo MOLTO moderato e controllato. Nella mia visione, infatti, preferisco sacrificare in parte l’idea di una forte focalizzazione nei temi (per inciso che mi porterebbero a parlare solo ed esclusivamente di personal branding) guadagnando però una certa libertà espositiva, utile ad applicare eventuali tattiche di growth-hacking (ad esempio come questa) per ottenere risultati anche in breve tempo.

3) Ho avviato il nuovo brand e Gruppo Facebook “Imprenditore Vero” (www.imprenditorevero.it).

In tal caso sono andato OLTRE il re-branding, facendo una vera e propria operazione di branding. Si tratta di #ImprenditoreVero (esatto… con l’hashtag!), un nuovo luogo virtuale che vuole diventare la community di imprenditori e consulenti che si confrontano su temi come personal branding e crescita personale. Nient’altro!

Ma c’è ancora molto da fare: d’altronde ho innescato un nuovo inizio, perché il re-branding in fondo non è che questo!

Ora però mi piacerebbe sapere cosa ne pensi e soprattutto vorrei che ti chiedessi…

Anche il tuo brand ha forse bisogno di un re-branding?


TRA I TUOI CONTATTI C'E' CHI APPREZZEREBBE QUESTA PAGINA? CONDIVIDILA!
Articolo precedente

Come promuovere la tua struttura in Sicilia (e non solo): i consigli di Michela Mazzotti, esperta di marketing turistico

Articolo Successivo

Fingere non è Personal Branding: il caso dell'immobiliare di Milano

Leonardo Cascio

Leonardo Cascio

Per anni web developer e graphic designer, oggi esperto di marketing e comunicazione digitale. Lavoro professionalmente dal 1998 e dal 2002 come owner della media agency siciliana LCM Your Global Partner.