TRA I TUOI CONTATTI C'E' CHI APPREZZEREBBE QUESTA PAGINA? CONDIVIDILA!

Se mi segui da un po’, probabilmente conosci la mia diffidenza per il Multi Level Marketing: un modello di business che consente di guadagnare provvigioni sia sulle vendite “dirette”, sia su quelle “indirette”, cioè quelle realizzate “a cascata” dai clienti stessi nei confronti dei loro clienti. Una sorta di “catena a piramide” che, è bene ricordarlo, è del tutto legale, ma di cui, come la storia del web (e non solo) insegna, molte aziende purtroppo hanno abusato, marchiandolo di un’immagine ai limiti della legalità.

Non è un caso che in questo mio famoso articolo, che ha collezionato tante critiche da parte degli “aficionados del network marketing” (ma che di contro, come spiegato in quest’altro articolo, faceva parte di una strategia che mi ha consentito di relazionarmi col mio target), giungevo alla conclusione che, per chi fosse desideroso di guadagnare o ben investire, fosse meglio investire tempo e denaro nella costruzione del proprio personal brand anziché aderire ad aziende di tipo MLM .

Inoltre mi soffermavo sul fatto che purtroppo, in molti casi, il MLM tendesse a promuovere prodotti o servizi “finti”, ovvero di nullo o poco valore reale (il classico “specchietto per le allodole”), nonostante magari avessero un alto valore economico.

In scenari come questo (e ce ne sono davvero tanti lì fuori, pronti a fagocitarti approfittando, se sei ignorante in materia, della tua ingenuità), il prodotto o servizio in vendita è in realtà l’ingresso stesso di nuovi venditori nel sistema! Un vero e proprio gioco di prestigio messo in opera da furbi imprenditori.

Tutto un sistema poco etico che non è sempre facile smascherare, ma che esiste eccome!

L’incontro con Cam.tv

Quando quindi mi sono imbattuto in un nuovo progetto di nome Cam.tv (fai click qui per aprire il sito), che per vendere le sue quote di partecipazione societarie ho scoperto utilizzare un piano marketing che è un mix tra crowdfunding e affiliate marketing (offrendo dei guadagni in percentuale di tipo diretto, anche se in realtà anche in modo indiretto sulla rete degli stessi investitori, ma secondo logiche diverse che però almeno inizialmente possono trarre in inganno), logicamente mi sono messo sulla difensiva.

Aldilà se affiliate marketing o un multi-level mascherato da affiliate marketing (cosa quest’ultima, come scoprirai, non vera), il mio ragionevole dubbio è stato il seguente:

Qual è il prodotto? E soprattutto, qual è il valore del prodotto offerto da questa start up?

Ho iniziato ad indagare. Riscontrare la USP (ovvero la Unique Selling Preposition) di Cam.tv è stato facile: è bastato visionare il video di presentazione che capeggia sulla sua home.

La promessa di Cam.tv non è in sostanza che una cosa ben precisa: offrire valore attraverso i contenuti prodotti dai suoi utenti.

Il dubbio: una brutta copia di Facebook?

Lo ammetto, ho temuto che si trattasse proprio di questo: un prodotto fine a se stesso, uno dei tanti pessimi business basati sul MLM.

Il dubbio c’era anche perché quest’altro progetto, recentemente smascherato dalle Iene dopo essere stato indagato da Consob e Guardia di Finanza, sembrava avere un funzionamento simile, basato cioè sui contenuti postati dagli utenti a cui riconoscere un premio in denaro.

Dubbio rafforzato dal fatto che anche questo fosse un “prodotto nostrano”. Non sono tipo da cedere ai pregiudizi, però un po’ anche l’idea del “figuriamoci se noi italiani siamo capaci di realizzare un social network di successo” per qualche istante ha sfiorato la mia mente!

E allora, per capire se la promessa proclamata dal video di Cam.tv fosse rispettata (o per lo meno, che ce ne fosse davvero l’intenzione), ho deciso di testarlo, quindi di iscrivermi.

Si trattava in fondo di compiere una procedura gratuita ed indolore che, male che vada, mi avrebbe fatto perdere poco tempo e zero euro.

Vuoi mettere, poi, il ringalluzzirmi nel mettere in guardia, anche se in modo vago per evitare una denuncia, i miei amici sull’ennesimo “pericolo” della rete?

Vuoi mettere il poter “alimentare il mio ego” confermando che noi italiani, a parte cucinare e poetare, non siamo in grado di fare niente di buono? Ma l’ego-branding non fa per me e ho preferito guardare il tutto con obiettività…

La rivelazione: una potente ed originale piattaforma

Devo ammetterlo, ma una volta dentro ho messo da parte tutti i dubbi e i sospetti accorgendomi di tre cose. Tre sacrosante ammissioni che, per onestà intellettuale, devo rivelarti:

Ammissione 1

Lo staff imprenditoriale che ha dato il là al progetto Cam.tv non è soltanto fatto da gente che ci ha messo la faccia (anche se ti assicuro che con le facce da “C” che ci sono in giro, ciò non basta a decretare la serietà di un progetto imprenditoriale), ma sono professionisti con un’importantissima cultura d’impresa ed esperienza nel settore ICT.

Senza fare nomi, parlo di gente che ha scritto libri accademici di economia, in particolare sul tema del crowdfunding, e con molti anni di attività in aziende “di livello” nel digitale.

Ammissione 2

Tra gli utenti del social network temevo di trovare il “bamboccione” senza né arte né parte che spera di guadagnare qualcosa cliccando link a ripetizione (un po’ come nei famigerati “paid to click” in voga nei primi anni 2000), oppure la casalinga disperata che scrive in modo sgrammaticato i suoi “ciao, Kaffè”, l’hater fuggito da Facebook perchè Mark l’ho ha bannato che qui la fa da padrone, e branchi di leoni da tastiera pronti ad insultare chiunque, specialmente ed inconsapevolmente se stessi.

Invece ecco chi ho trovato: imprenditori, artigiani, consulenti, professionisti, coach, esperti come me dei nuovi media, addetti al benessere della persona, ecc…

Insomma in maggioranza gente con un “lavoro vero”, generalmente educata e, cosa da non sottovalutare, in grado di scrivere in italiano corretto (incredibile ma vero!).

Ammissione 3

Quella più bella: i mestieri e le professioni di queste persone sono al centro dei loro post, dei loro articoli e dei video, insomma dei loro contenuti.

Ho notato, ed è l’aspetto ancora più bello, che l’approccio con cui producono i loro contenuti non è apparire, ma distribuire valore.

Certo, molti devono ancora “lavorarci su”, ma ho trovato tanta sostanza: foto e video di ricette, articoli sull’omeopatia, bellissime foto di collezioni d’autore, interessanti video sulla crescita personale, spunti utilissimi sul fare bene impresa. E poi, grazie all’obbligo di certificarsi, niente fake account!

Incredibile ma vero, ma utilizzando per qualche giorno Cam.tv ho imparato qualcosa, ricevendo valore!

E visto che ho iniziato a postare i miei “contenuti markettari”, ho dato valore anch’io, costruendo la mia presenza “seduta stabile” su questa piattaforma decidendo (ma non è assolutamente obbligatorio) di diventare un piccolo investitore acquisendo la qualifica di “Founder Starter”!

(il mio profilo su Cam.tv al 10 maggio 2019: quasi 80.000 iscritti di cui quasi 2.800 investitori)

Un progetto etico e sostenibile!

L’affiliate marketing (anche se non proprio mono-livello), in questo scenario in cui Cam.tv consente ad un utente che mette un like ad un altro utente di regalargli un centesimo di euro (sì, lo so che sembra poca cosa, ma prova ad immaginare per ipotesi, in un periodo di tempo medio/lungo, migliaia di cent ricevuti su un certo numero di post di valore pubblicati sulla piattaforma ed in cui si guadagna anche in percentuale sui cent ricevuti dagli iscritti di 2° e 3° livello), diventa in questo un mezzo effettivamente utile e meritocratico per premiare chi produce contenuti di qualità.

Cam.tv è un sistema che non illude o prende in giro nessuno, perché realmente trasparente.

Il motivo della trasparenza? Aldilà della fiducia personale che si può umanamente provare per chi lo ha partorito e fatto crescere, il motivo della trasparenza risiede in tutt’altro: lo “smart contract”, un contratto digitale legato alla tecnologia Blockchain, che non può essere in alcun modo pilotato a totale garanzia degli iscritti!

Anche per questo motivo Cam.tv riesce ad essere un progetto assai promettente, oltre che ambizioso.

Sembra in effetti un fantastico mix tra un social network basato sui contenuti di valore (per certi aspetti come Linkedin), ed una piattaforma di e-learning (come Udemy o Upwork). Infatti il principio del “like che vale un cent” (la moneta virtuale – in gergo “criptovaluta” – di nome “LKS”) su Cam.tv è solo un assaggio: nel momento in cui scrivo è previsto che si potranno presto pubblicare libri ed audio-libri a pagamento (per i video, sebbene se con funzionalità limitate, è già possibile farlo), e molte altre funzioni. Il tutto basato su un modello di business etico grazie, come già scritto, all’inviolabilità della Blockchain.

Inoltre si potranno presto fare anche dirette streaming e ricevere un compenso dagli iscritti, rendendo il progetto di fatto un sistema di distribuzione dei contenuti di cui verrà trattenuta una percentuale dalla startup.

Insomma, in Cam.tv il modello di business non è di certo la vendita delle quote societarie, sebbene il sistema su cui si basa la distribuzione delle revenue potrebbe trarre in inganno, ma è il valore dato e ricevuto dai suoi utenti!

Per inciso, anche se il piano marketing a prima vista può sembrare basato solo su un multi-livello che riconosce commissioni sul “diventare founder” di Cam.tv, è bene nuovamente sottolineare che la sua funzione è marginale rispetto al core-business dell’azienda che, per chi non l’ha ancora capito, è generare utili sotto-forma di commissioni sulla vendita dei contenuti postati dagli utenti.

La vera forza? La community!

Come ho già scritto, il prodotto qui esiste ed è un prodotto di valore: la sua community!

E’ costituita dalla gente che lo frequenta producendo contenuti gratuiti (ebbene sì, per la maggior parte dei contenuti non si è obbligati a pagare, ed offrire una donazione è facoltativo) e più elaborati (anche interi video-corsi, perché no?) facendosi pagare, volendo, anche bene.

Staremo a vedere. Fatto sta che finalmente, aldilà della promettente possibilità di investimento proposta, sono convinto che di questo nuovo social TUTTO ITALIANO si parlerà bene, e per lungo tempo.

La mia valutazione

Marketing e Comunicazione
Velocità ed Usabilità
Qualità della Community
Funzionalità
Affidabilità e Sicurezza
Valore generale
Senza trionfalismi, Cam.tv è una straordinaria opportunità per il tuo Personal Branding, a prescindere dal tuo livello di carriera. Se sei all'inizio è un ottimo modo per farti conoscere e monetizzare. Se sei ad un buon punto (per intenderci hai già il TUO sistema di marketing già funzionante ed ottimizzato), Cam.tv può aiutarti ad aumentare ulteriormente la tua autorevolezza e a portare traffico esterno. Tuttavia, specie come Founder di livello alto (in tal caso possono tenere per sé quasi tutti gli incassi della piattaforma di e-learning) lo consiglio anche a chi ha già un business collaudato. Io rientro in questo ultimo caso, ed è anche per questo che ho scelto di diventare Founder President.

Un ottimo strumento di comunicazione

Alcuni link su questo articolo rimandano a Cam.tv e se deciderai di registrarti io diverrò tuo “sponsor”. Ne sarei ovviamente felice, perché sarà un modo per ripagarmi per il tempo ed il lavoro che ho dedicato per raccontarti questa mia esperienza.

Riecco qui il link per Cam.tv

Ti assicuro che questa recensione è assolutamente veritiera e non finalizzata, credimi. D’altronde spingerti in qualcosa di poco serio ne andrebbe della mia credibilità, tuttalpiù che dell’etica faccio un mantra professionale da sempre!

La mia analisi positiva, credo si sia capito, è frutto del desiderio di renderti partecipe della sua esistenza in quanto strumento di comunicazione davvero utile, specie in una fase storica come come questa in cui i social storici, come Facebook, sembrano aver stancato.

In questo contesto Cam.tv si presenta davvero come una boccata di aria fresca!

E poi c’è un aspetto per me cruciale (che mi ha convinto ad immergermi totalmente  attraverso un importante e recentissimo upgrade del mio “ruolo” in Cam.tv). A proposito guarda il mio breve video di saluto e ringraziamento e continua a leggere…

Cam.tv è la piattaforma ideale per il tuo Personal Branding

Se come me sei un convinto sostenitore dell’approccio personale al marketing, registrarti sarà una scelta più che saggia perché entrerai in possesso di un nuovo, utile e potente strumento per il tuo Personal Branding.

Sì, perché un social network con una piattaforma di e-learning incorporata, con tanto di sistemi di pagamento integrati, e tutto questo in un contesto comunitario che non è lì per l’intrattenersi o intrattenere ma per imparare ed insegnare (facendo rete) è di fatto uno strumento all-inclusive potenzialmente straordinario per far decollare la tua marca personale in termini di visibilità, credibilità e, aspetto che non guasta, in termini economici sotto-forma di potenziali rendite automatiche.

Fammi sapere che ne pensi di questa recensione e di Cam.tv, su questo blog o direttamente commentando il mio articolo su questa piattaforma. Ti aspetto!

Scopri anche tu Cam.tv: clicca qui!


🙂 Domande? Contattami su questa pagina

😉 Commenti? Parliamone sui Social Network! ↓

TRA I TUOI CONTATTI C'E' CHI APPREZZEREBBE QUESTA PAGINA? CONDIVIDILA!
Articolo precedente

Abbiamo fatto rete: il mio "speciale" viaggio all'insegna del nome... Lorenzo!

Articolo Successivo

Dieci domande da farti assolutamente prima di postare su Cam.tv

Leonardo Cascio

Leonardo Cascio

Per anni web developer e graphic designer, oggi esperto di marketing e comunicazione digitale. Lavoro professionalmente dal 1998 e dal 2002 come owner della media agency siciliana LCM Your Global Partner.