Condividi o stampa questa pagina

Il Social Media Marketing non è mai stato cosi efficace. Recenti studi hanno evidenziato come una grande fetta di navigatori della rete trascorrano la maggior parte delle ore sui social network. Su Facebook, sopratutto, con una media in Italia di circa 2 ore al giorno, la più alta nella Comunità Europea. Tra l’altro la popolazione italiana che naviga su internet è ormai di quasi 40 milioni, con 7 italiani su 10 che accedono regolarmente e ben 30 milioni di persone che utilizzano i social media.

E’ evidente che qualsiasi business aziendale su internet non possa essere immune da queste statistiche. Mentre infatti prima dell’affermazione dei social l’accesso era Google, il re dei motori di ricerca, a rappresentare il miglior mezzo per farsi conoscere, oggi non è più cosi perché è Facebook adesso il re della rete.

E sapere di Social Media Marketing, ovvero l’insieme di nozioni che ne regolano il funzionamento ai fini di fare business, è diventato essenziale.

Come fare business con i social network

Intanto non bisogna improvvisare. Un errore infatti che molte aziende, o anche privati cittadini con partita iva, fanno è quello di creare un profilo aziendale come privati, ad esempio inserendo la ragione sociale al posto del nome e del cognome nel modulo di registrazione. Questo errore compromette sin da subito tutta la comunicazione in quanto non sarà possibile, successivamente, utilizzare gli strumenti di marketing che Facebook mette a disposizione per fare business nel modo corretto.

La famosa “richiesta d’amicizia” di Facebook, infatti, andrebbe relegata solo alla sfera privata, mentre è il “mi piace” a dover essere al centro del piano marketing, in quanto è il modo in cui, senza condizionare la privacy di ambo le parti, è possibile facilmente di “affiliare” i propri clienti o potenziali tali. Ovvero la possibilità, ad esempio, di comunicare tramite notifiche le novità, le promozioni e tutto ciò che riguarda la comunicazione aziendale.

In secondo luogo è importante scegliere di affidarsi ad un’agenzia/consulente di web marketing che possa gestire per noi il profilo aziendale: questa è un’eventualità ideale se il nostro lavoro ci consente (o ci obbliga) a stare online per parecchie ore al giorno.

L’atto infatti di inserire post, comunicati o quant’altro, fare condivisioni interessanti, insomma seguire la propria clientela online, non toglie tantissimo tempo, ma richiede un certo tempo nella preparazione, nella ricerca, nello studio specialmente della strategia da seguire, come ad esempio nella formulazione delle offerte e dell’aspetto grafico della comunicazione: roba che non è alla portata di tutti.

Pertanto se non potete, non sapete o non volete fare questo lavoro voi, date la vostra pagina facebook ad un consulente che, normalmente con un canone mensile, gestirà per voi il tutto nel contesto di una strategia ancora più completa (il SMM è potente, ma non basta!).

Cosa è importante sapere

Bisogna sfatare il falso mito per cui bisogna spendere tanti soldi e pagare Facebook per ottenere risultati. Infatti se è pur vero che il sistema di pubblicazione di annunci di Facebook è potentissimo e può portare risultati sin da subito (a meno che non si abbiano dei prodotti o dei servizi validi da vendere, in tal caso nulla garantirvi il successo!), è anche vero che dedicando del tempo e passione nel seguire la propria pagina facebook aziendale, a lungo termine i risultati arriveranno.

Cosa intendere per risultati? Intanto il numero di “mi piace” ottenuti. Ma soprattutto, visto che di “mi piace” non si campa, i link in ingresso al proprio sito.

E’ infatti anche importante sapere che una comunicazione efficace su facebook ha senso se si ha a disposizione un proprio sito, meglio se con funzionalità di vendita (ad esempio un e-commerce) o di prenotazione (nel caso del booking engine di un hotel, ad esempio) da utilizzare come “landing-page”, ovvero letteralmente “pagine di atterraggio”, su cui tramite condivisione diretta far arrivare i frequentatori della propria pagina social.

In questo modo è possibile creare una cosiddetta “call to action”: un’azione effettiva ed efficace che traduce le visite alla pagina facebook in visite dirette e mirate alle pagine “di vendita” del sito. Tutto perfettamente misurabile tramite il pannello stats di Facebook cosi come del proprio sito web.

I fattori che incidono su tutto il processo fin qui affrontato sono numerosi. Ce ne sono altri, ma credo di aver con questo articolo creato un semplice ed utile ABC per chi vuol iniziare a sfruttare i social, tenendo sempre in mente che improvvisarsi non porta a nulla. Diamo le chiavi della nostra comunicazione a un marketer, e solo dopo un’analisi strategica approfondita, potremo fare un corretto e proficuo Social Media Marketing.

 


🙂 Domande? Contattami su questa pagina

😉 Commenti? Parliamone sui Social Network! ↓

Condividi o stampa questa pagina
Realizzazione logo a Marsala
Articolo precedente

Grafico alle prime armi? Ecco come ideare e creare un buon logo aziendale

FanClub di John Peter Sloan
Articolo Successivo

Do You Speak English? Impara l'inglese con il metodo di John Peter Sloan

Leonardo Cascio

Leonardo Cascio

Web developer, web & graphic designer, ed esperto di marketing e comunicazione digitale (e non solo). Lavoro professionalmente dal 1998 e dal 2002 come owner della media agency siciliana LCM Your Global Partner.